Move Over, Copenaghen: In Danimarca, Si tratta di Aarhaus

Principale Architettura + Cuncepimentu Move Over, Copenaghen: In Danimarca, Si tratta di Aarhaus

Move Over, Copenaghen: In Danimarca, Si tratta di Aarhaus

Nantu à u viaghju in trenu à l'ouest de Copenhague, la campagne danoise devient libre et étroite, comme un élastique étendu serré, en attente de libération. I campi si riducenu à strisce verdi, rotte da case di campagna bianche. Lampa è ci hè acqua fora di e finestre, u ponte di a strada chì briaca tense sottu. A Danimarca, per reputazione, hè l'ànima meridionale di a Scandinavia: generosa, gregaria è cortese. Ma avventurassi da a capitale hè di sente u paisaghju chì ti tira versu u nordu, versu a so costa viota è u celu subarticu chì si stringhje. Eccu induve i Vichinghi partenu, più di un millenniu fà. Ci hè induve hè natu Hans Christian Andersen. Lascià a banda di gomma sciolta, è sbarcerà in Aarhus, a seconda cità di u Danimarca, chì hè menu di un quartu di a dimensione di Copenaghen. Se a capitale hè u core di a cultura danese, Aarhus - ghjovanu, inquietu - hè a so mente chì gira.



Quale hè chì vene in Aarhus? Tutti, sè site un Danese. Tanta ghjente cunnosce, o hà campatu in, Aarhus à un certu puntu di a so vita, hà dettu u rumanzieru di misteru Elsebeth Egholm un caffè un dopu meziornu à un tavulinu di u trotuariu in u Quartiere Latinu, u più anticu distrittu di a cità. A cunnettanu cù a giuventù, cù un amicu o una amica chì avianu visitatu, cù una nanna.

À pochi passi da u Quartiere Latinu si trova l'Università Aarhus, una di e più alte istituzioni di ricerca di a Scandinavia. U so quad principale (un idilliu di colline erbose, arburi à l'ombra, è un stagnu enorme induve l'anatrullu si schernisce) manda un flussu di studienti in bicicletta in cità tutta a ghjurnata, infundendu à a cità un caldu fascinu nordicu. Per decennii, Aarhus-prununziatu oh -hoos, cum'è un lamentu affettuosu - era cunnisciutu cum'è a cità di furmazione di u Danimarca: u locu duvete truvà e so zampe di mare prima di trasfurmassi in a capitale. Più recentemente, però, hè diventatu una destinazione in sè. Parechji di i principali innovatori di a Danimarca anu piantatu a so sede nantu à u rinfrescante fiume di a cità. Un alloghju di lussu hà seguitatu. Aarhus hà avà a più grande biblioteca publica di a Scandinavia, è alcuni di i so migliori ristoranti. (Quandu u Guida Michelin hà valutatu Aarhus per a prima volta, in u 2015, a cità hè andata cù una surpresa di trè stelle è duie distinzioni Bib Gourmand.) Tuttu à tempu, i più boni è più brillanti di Danimarca ùn sò micca diplumati in Aarhus ma in questu. U Museu Moesgaard. Julian Broad






Per tali persone, l'appellu di a cità ghjunghje sia in avanti sia in avanti: un legame nostalgicu à ciò chì Aarhus significava durante i so anni più ghjovani è una spinta versu u so ecletticu futuru internaziunale. A creazione fittizia più cunnisciuta di Egholm, Dicte Svendsen, ghjurnalistu di u ghjurnale Aarhus chì hè un detettivu accidintali à fiancu, hè stata recentemente adattata in una prucedura pupulare danese; hè ghjuntu in America via Netflix in u 2014, crestendu a nostra passione naziunale per a TV scandinava. Dittate hè statu filmatu interamente in Aarhus, è, cum'è i rumanzi chì si basanu, hè una lettera d'amore strana à una cità ancu più strana. Un saccu di ghjente hà una visione sentimentale di sta cità, è hè per quessa chì aghju vulsutu mette quì i mo libri Dicte, spiega Egholm, cù un surrisu pientu. Spessu mi vene u cumplimentu micca tantu chì i libri sianu boni ma chì sia geniale chì si trovanu in Aarhus.

Di colpu, a cità hà una pusizione glubale. Aarhus hè statu sceltu cum'è Capitale Europea di a Cultura per u 2017, è oghje hè un ghjuvellu di un locu da visità: sicuru, creativu, di lingua inglese - è sempre scupertu da l'orde turistiche. Ùn pò micca cumpete cù a dimensione o a varietà di Copenaghen. Ma ùn hà micca bisognu. Aarhus hè quì induve andate sè avete vistu e capitale di l'Europa è sperate sempre chì una cità chì ùn avete mai intesu parlà apparisce è, cum'è un'anima gemella inaspettata, vi spazzerà da i vostri pedi. Manca: Carusu , da l'artistu australianu Ron Mueck, face parte di a cullezzione permanente à u ARoS Aarhus Art Museum. Destra: un residente di Aarhus. Julian Broad



Sò venutu à Aarhus un ghjornu à a fine di l'estate cù poche aspettative. (Hè giustu di dì chì una cità chì i tagline di u turismu includenu In Aarhus, quandu dicemu a distanza da camminà, significemu veramente a distanza da camminà incuraghjenu sogni modesti.) Ma dopu una visita di e so attrazioni di u centru di a cità - anzi navigabile à pedi - aghju cuminciatu à vede a cità cum'è più cà a somma di e so parti, per rimarcà a magia strana chì ti attira. Questa ùn hè micca una cità di vestiti o di cacciaturi glamour ma pensatori creativi, eccentrici è viaghjatori chì sò tornati à dorme. Se una sola idea unifica a pupulazione, hè una cridenza chì ci hè l'uccasione di fà ciò chì ùn esiste ancu.

Ci hè una scena artistica forte quì, m'hà dettu un ghjornu Hans Oldau Krull, unu di i principali pittori di a cità. Avia ghjustu tracciatu in u so bar, Under Masken (Sottu à a maschera), chì hè una immersione boema di u primu ordine: bughju, simpaticu, pienu di artisti è di studienti chjappanti. Un enormu bacinu di pesci brillava longu à un muru; Krull hà dettu chì, perchè pò traccià a so sterpa ind'è i marittimi, trova a vita marina cunsulante. U bar riflette i so interessi in altri modi. U fratellu di Krull li disse una volta, ammiraghju a vostra carriera-Ùn possu beie abbastanza per esse artista, è Krull hà pigliatu quella rivendicazione cum'è una missione d'affari. Postu chì vengu à parlà cun ellu di u so travagliu, m'hà purtatu à un tavulinu fora è hà cuminciatu à fumà in catena sigarette senza filtru. U caprettu di Krull, biancu biondu, currisponde à i denti è tinta i vetri aviatori. Portava un Stetson di paglia, è i so pantaloni è i so scarpi eranu generosamente sparsi di vernice. Tempi fà, hà dettu, hà amparatu l'inglese ascultendu à Bob Dylan (pensavu, Chì cazzu dice stu tippu? ), è hà avà ammaestratu a lingua finu à a disinibizione. Era a fine di u Festival Aarhus, un prugramma di spettaculi di galleria, spettaculi è feste. Una sfilata di passanti chjamò affettuosamente, è Krull risponde invariabilmente, ancu s'ellu ùn avia spessu idea di quale eranu i saluti. Cunnoscu troppu ghjente, m'hà dettu, senza disgrazia. Quandu ùn hè micca à u so bar, pinghje in un studiu in periferia, fora sì u tempu hè bè. Cavalcendu in cità nantu à una Vespa, pendendu schizzi rialzati, hè diventatu una mascotte per a so cità distesa è rilassata. À manca: U Giardinu Botanicu Aarhus, unu di i più grandi spazi verdi di a cità. A destra: un impiegatu, in costume, à Den Gamle By, u museu à l'aria aperta chì offre una visione di a vita danese di seculi passati. Julian Broad

Cum'è Egholm, Krull hè un Danese nativu (u so nome sanu sanu hè Hansel; a so surella gemella hè, benintesa, Gretel), ma hè ancu assai viaghjatu. Cum'è un autodescrittu sessanta-eighter, avia cullucatu cun Allen Ginsberg in New York, hà avutu spirituale in India, è hà cercatu l'arte indigena in u Canada occidentale. Mi dumandava cumu avia finitu nantu à a costa orientale di a penisula di Danimarca. A capitale ùn era micca più attraente? Ellu disse chì era simplice. Aarhus era a grande cità d'arte è di musica di a Scandinavia. Inoltre, mi hà dettu, cù un sguardu coy, era famosu per esse a casa di e più belle donne in u nordu di l'Europa. Hè sempre statu u casu. Ùn sò micca se hè per via di l'acqua, ma ci hè sicuramente qualcosa ... Si ne andò pensiosu, succhjò guasgi a metà di a sigaretta in un trattu, po mi surrisse è alzò e spalle cavalleresca. Probabilmente l'acqua!



Cusì informatu, aghju messu à circà di immergermi in e risorse naturali di Aarhus u megliu pussibule. A Danimarca s'assumiglia à u latu drittu di una macchia di Rorschach, frastagliata è diffusa. U Jutland, a so più grande massa terrestre, ricciola versu l'Aarhus, ponendu a cità à a foce di a baia di Kalø. I punti di vista ci sò trà i più belli di a regione, è, se speru di capì ciò chì l'ambiente d'Aarhus avia da fà cù a so cultura, sapia chì averia da cumincià cù un locu chì sia a sede di a storia lucale sia unu di u più gluriosu di i so paisaghji attuali: u Museu Moesgaard. Unu di i dessert di cicculata di u risturante. Julian Broad

U Moesgaard hè statu un museu d'archeologia è etnugrafia impurtante da u principiu di l'anni 70. Dapoi anni, occupava un anzianu duminiu campagnolu, ma un novu edifiziu straordinariu cuncipitu da Henning Larsen Architects hà apertu in u 2014, è da tandu u Moesgaard hè emergutu cum'è unu di i principali musei di u mondu - una istituzione d'avanguardia chì vale a pena di traversà un oceanu vede. A nova facciata, una zeppa gigantesca cuperta d'erba chì spunta da u campu, pò esse scalata cum'è una cullina. In cima, mi sò trovu à guardà nantu à i boschi è u mare circundante. Quì era un locu perfettu senza esse esigente, cuncepitu in modu creativu ma micca flamboyante. Dentru, una selezzione di mostre multimedia abbaglianti centrate nantu à a storia di a regione. Aghju resu un omagiu à a carcassa di l'omu Grauballe, fatturatu cum'è u corpu di e bogues megliu cunservate di u mondu è tombu in una camera di vista scurita. Aghju vistu i manichini irresistibili di u stadiu di l'umanità di u museu (pensate à Madame Tussauds, eccettu cù Lucy è Selam), pusizionati nantu à a salita per u so scala centrale, è i visi di trè persone sepolti millaie d'anni fà, ricustruiti da i so cranii cù CT tecnulugia. U Moesgaard hè ciò chì avaristi uttene se i documentarii Nova di PBS si alluntanavanu da u schermu per mischjassi cù esperimenti scentifichi è a pista di moda-è dopu marchjavanu fora versu un pratu paisaghjatu squisitamente.

Aghju pigliatu u pranzu in Skovmøllen, una splutazione agricula cunvertita micca luntanu situata da un rusciu balbuttante in i boschi. A specialità di a casa hè smørrebrød, u sandwich danese à faccia aperta. Pruvendu à entre in u spiritu lucale, aghju urdinatu u chjamatu Dane's Favourite, chì hè diventatu ancu meiu: un pezzu di piastra pocchjata aromatica stratificata annantu à un antru pezzu frittu à batte nantu à una fetta grossa di pane frescu cotto saltatu in burru-tuttu bagnatu cù una salsa di limonu croccante è vistutu di verdi foresti delicati è caviale svedese. Una pista boscosa porta da Skovmøllen à a spiaggia, per quelli chì volenu marchjà fora di u pastu. Un pezzu di James Turrell à u museu ARoS. Julian Broad

L'interazzione di u mondu naturale è di unu innaturale hè chjave per a sensibilità di Aarhus, chì, malgradu un passatu industriale, ùn hà mai persu u cuntattu cù i so boschi circundanti. Questa cuntradizzione anima a scena alimentaria crescente di a cità. A cosa bona di i chef d'Aarhus hè chì sò più vicinu à a natura, Thorsten Schmidt, unu di i babbi di a nova cucina nordica, m'hà dettu un dopu meziornu à una tavula à Castenskiold, un ristorante in riva chì hà aiutatu à rinnuvà. Schmidt hà a so scelta di perche in u mondu culinariu di grande prufilu, è hà sconcertatu parechje persone quandu hè statu annunziatu chì avia da passà una pausa in Aarhus. Schmidt ùn hè micca u capimachja di Castenskiold, ma cunsiglia à Mia Christiansen, un prodigiu lucale chì dice ch'ella cerca sapori puliti, aduprendu prudutti di stagione. (U mo pranzu à Castenskiold includia picculi gamberi danesi cù carote lucali, una bistecca cù gallinacci è una salsa di butiru cù nocciole, è un ghjacciu à gustu di spruce cù frutti.) U ristorante ùn hè micca preziosu, però: dopu à 11 ore, a sala da manghjà si gira in un bar è un club di ballu, cum'è per dimustrà quantu i picculi Aarhusiani si primuranu di a serietà di sè. Questa hè una cità induve u cosmopolitismu significa divertimentu.

A famosa distanza di camminata di Aarhus significa chì hè una cità eccellente per a vita notturna di girandulata, in particulare longu u sottile fiume centrale. I feste di hard-core ponu ballà a notte in Train, un club di ballu à più livelli. Aviu l'aspirazioni di entre, ma u locu era pienu, cum'è spessu, è mi sentu troppu vechju è stancu d'aspittà finu à 3 ore per un slot apertu. Eppuru ùn eru micca in perdita per l'opzioni. Un venneri, aghju avutu un whisky à u Sherlock Holmes Pub, un bar accogliente in stile britannicu decoratu cum'è un salottu vittorianu, cumpletu cù libreria. Aghju scontru un amicu in Fermentoren, chì hà 22 tappi di biera artigianale. Aghju camminatu in sù è in fondu à u fiume, induve una progressione di club accumpagna a clientella ghjovana è energica. E brise marine soffiavanu da u portu mentre, in tuttu u centru di a cità, i zitelli in coppiu è i pacchetti galumpavanu attraversu u ciottulu. Si sò riuniti sottu à u cavallucciu Sankt Clemens Torv per ballà. Una donna bionda brusgiava e guance cù una spazzola à setole di cinghiale, appiccicendu ciecamente mentre scalava una strada stretta cù l'amichi. Immergendusi in Noir, unu di i club fluviali, mi sò ritrovu in un tempiu di lampade indigo vorticanti è di buttiglie di biera appiccicate nantu à i calderoni pieni di ghiacciu. Questa era a magia scandinava per chì a bughjura pò diventà accogliente è vicina. A sala di pranzu à u Frederikshøj, stellatu Michelin. Julian Broad

A matina era più tranquilla. Aghju pigliatu un caffè à La Cabra, un tostu liggeru degnu di Portland o di New York, è una pasticceria à u Nummer 24, una panatteria organica à qualchì porta. Aghju visitatu ARoS, u museu d'arte di punta d'Aarhus, chì hà una cullizzioni enorme di opere di u XIXu è di u XXu seculu. In u 2004, hà aghjustatu un edifiziu di Schmidt Hammer Lassen chì hè culminatu cù un travagliu icònicu di u preeminente artista cuntempuraneu danese, Olafur Eliasson. U vostru Panorama Arcubalenu hè una passerella in forma d'anellu casata in vetru di tinta arcubalenu chì offre una vista à 360 gradi di a cità. Cù una ora per tumbà, aghju visitatu u Giardinu Botanicu Aarhus vicinu, recentemente rinnuvatu per includere serre futuriste à cupola bio. A cupola di a furesta pluviale, piena di farfalle, hà duplicatu l'habitat finu à i piranha in un stagnu.

Micca luntanu, Den Gamle By (A Città Vechja) offre creazioni d'habitat di un altru tipu. Vicinu à u fondu di stu paese di rievocazione, principalmente dedicatu à a vita Aarhusiana in l'era pre- è iniziale-industriale, una serie di vitrine hà ricreatu l'annu 1974. Era statu un annu particularmente bellu per a Danimarca? L'aghju cercatu in Google nant'à u mo telefonu ma ùn aghju trovu nunda. Aghju cuminciatu à dumandà à ogni ricostruttore chì aghju trovu. Ùn vi pudia micca dì, hà dettu u scrivanu in a buttega di dischi di u 1974, chì mostra apparecchi hi-fi di l'epica è LP. Nunda di speciale ùn hè accadutu in u 1974. A donna di u buttrega di u 1974 era ancu perplessa. In l'appartamentu di rievocazione di u 1974, chì mostra cume i Danesi abitavanu nurmale in u 1974, a caffettiera era gialla senape. Un manichinu spaventosu di u missiavu facia rumuri chì roncavanu nantu à u lettu. Qualunque sia a causa di l'orgogliu naziunale chì Aarhusians hà trovu in l'era di u macramé mi hà eluditu quellu ghjornu. (Più tardi, ampareraghju chì l'annu hè economicamente significativu per i Danesi - hà marcatu l'iniziu di tempi più prusperi.) Ma in quella visita, piia, chì ùn hè micca eccezziunale - Aarhus hà un clima custieru - allora sò andatu per tè in AC Perch, fornitore di a corona danese. À questu puntu, aghju avutu a fame di novu. U vostru Rainbow Panorama, di l'artista danese-islandese Olafur Eliasson, hè situatu in cima di u museu ARoS. Julian Broad

E persone in Aarhus, volenu pruvà qualcosa di novu ogni volta ch'elli esce, m'hà dettu Søren Jakobsen, chì hà cofundatu u ristorante Gastromé cun stella Michelin cun William Jørgensen. I dui chefs anu decoratu elli stessi u ristorante illuminatu romanticamente. E tavule, ciascuna chì porta mazzi di cardi lucali, sò di quercia pallida è accoppiati à sedie moderne danese coperte di pelle di animali. Ciò chì prova Gastromé hè novu in cumbinazione più cà in sustanza: u risturante dà forma à i so menù per mezu di l'appruvazioni lucali ma combina sapori in modi freschi. À a cena, aghju avutu un gazpacho à a fine di l'estate, preparatu cum'è un sorbettu delicatu, è langustine celesti-danesi di u nordu cù u cavolfiore è una mousseline di burru brunu. U pre-dessert era una ingeniosa granita di prugna - un rinfrescu tradiziunale danese - cun aneto è skyr islandese. Julian Broad

Se Gastromé hè a distillazione di l'ingenuità faciule d'Aarhus, Frederikshøj, u flagship di Wassim Hallal è un altru destinatariu di stella Michelin, incarna a so ambizione di seconda cità. Sognu di uttene trè stelle Michelin, è di fà vene ghjente d'altri paesi à tastà i nostri cibi - è à amparà a cità per mezu d'ella, m'hà dettu Hallal, un guerriero danese natu in Beirut. A sera ch'e aghju manghjatu quì, u menu hà cuminciatu cù dilicati lumache di Borgogna in una salsa di crema fredda, un ovu decostruitu Benedittu (ovu di quaglia è purea d'alga), u megliu tartare chì abbia mai avutu, è macarons aromatizatu cù u sangue di vitellu è l'amore di a furesta-è quelli eranu solu l'amuse-bouches. A cuntrariu di Jakobsen è Jørgensen, Hallal ùn hè micca spaventosu in quantu à l'appruvisazioni da fora di a regione - unu di i so ingredienti distintivi hè u caviale - è a so gamma tecnica sembra inesauribile: u pastu includia una pettine fredda in salsa di rafano, ostriche chì ghjunghjenu à a tavula bastendu in fume di pinu. sottu un globu di vetru, variazioni annantu à u tema di i pani dolci cù lamponi, è a vitedda cù piccule patate dipinte per parè scogli. U Dessert era una split di banana reinventata casata in una sfera di zuccheru d'oru; Aviu avutu a cracke aperta prima di ingerirla. Julian Broad

Frederikshøj hè situatu, di lussu, in i boschi à u bordu sudu di a cità, affaccendu nantu à un pratu incornicatu in tigli è, al di là di u so bordu, u mare. Pusatu à un tavulinu accantu à a finestra mentre a longa ghjurnata nordica si girava à u tramontu, mi hè stata colpita chì, per e persone di una certa dispusizione, questu era u più vicinu à u paradisu quant'è a terra puderia ottene.

Aarhus hè menu caru ch'è Copenaghen, ma ùn hè micca bonu. Ùn aghju micca capitu perchè a so ecunumia era cresciuta cusì prestu ultimamente, allora aghju cercatu unu di i CEO responsabili di a so rinascita, Christian Stadil. Ci hè statu un periodu quandu Aarhus era troppu seguitore, chì circava à Copenaghen, hà dettu Stadil, chì hà cambiatu pocu tempu a sede di Hummel, a cumpagnia di vestiti sportivi, in un bacinu sottumarinu cunvertitu da u portu. Ma qualcosa hè veramente accadutu in l'ultimi dui anni, è hà fattu un saltu di rana. Stadil hè un guru di un cast insolitu-hà scrittu dui libri nantu à a leadership chì parlanu di u putere di u karma è di u subconsciente. Ci era veramente un bisognu di un ambiente chì motiva è ispira creatività è innuvazione - è questu hè ciò chì aghju trovu in u portu. Dapoi, altre sucietà anu ancu fattu u muvimentu. Julian Broad

Questu hè sempre una piccula cità, ma ci sentimu più cunnessi cù u mondu esternu, Mikkel Frost, architettu di l'impresa Aarhus Cebra, m'hà dettu vicinu à u portu nordu di a cità un dopu meziornu. Frost era unu di i cuncettori principali di Isbjerget, o l'Iceberg, u più emblematicu di parechji novi complessi d'appartamenti in u portu destinatu à assumigliassi à u so nome - frastagliati, angolati è gettati in terrazzo biancu. Dapoi a custruzzione di l'iceberg è di i so vicini, un autobus hà cuminciatu à corre da quì à u centru di a cità, è una passeggiata paisaghjista nantu à l'acqua hà cuminciatu à riempia.

Frost, nativu di l'Aarhusian, hà vistu cambià a situazione urbana di a cità. In l'anni 90, i ponti trà l'isule di Danimarca anu riduttu u tempu di viaghju per Copenaghen à trè ore, fendu chì e duie cità sianu partenarii d'affari - è rivali in sviluppu. A moglia di Frost, anch'ella architetta, travaglia à Schmidt Hammer Lassen, chì hà cuncipitu u novu centru maestru di i docklands, Dokk1 (un ghjocu di ghjocu danese). L'edifiziu, a più grande biblioteca publica di a Scandinavia, hè stata aperta l'estate scorsa, è presenta finestre giganti chì danu à l'acqua. Mi sò avventuratu in un dopu meziornu pocu prima di chjude è aghju desideratu di pudè passà una settimana. Julian Broad

Micca luntanu si trova Filmby, u cumplessu di u palcuscenicu sonu di 13 anni induve e duie stagioni di Dittate sò stati filmati. U VIA University College, a scola prufessiunale lucale, hà lanciatu di recente un prugramma di realizazione cinematografica chì include stasgii in i studii. I studienti sò amparati à fà produzioni, da l'idea à u pruduttu finitu, hà dettu Ellen Riis, una cineasta chì dirige u prugramma. Cù a so incursione in l'intrattenimentu, Aarhus spera di piglià a so cultura di l'arte sotterranea di lunga data.

Una notte vicinu à a fine di u mo sughjornu, aghju scontru cù Krull in Godsbanen, una antica stazione di ferrovia cunvertita in una tana di studii di artisti. Krull è eiu eramu quì à a raccomandazione di u so amicu Dr.Bo, un magu cù una baffa snella è un cappellu neru à largu largu. U duttore Bo sapia di un circu viaghjadore, u Brunette Bros., chì era previstu di realizà quella notte trà i trailer. Era tramezu. U Brunette Bros hè scappatu da una rimorca decorata in un vechju segnu di circus. Una piccula folla s'hè riunita, è l'odore di popcorn hà tagliatu l'aria umida. Julian Broad

Popcorn, u Duttore Bo murmurò, annusendu teatralmente. Un picculu segnu di showbiz.

I pagliacci servianu u popcorn impachjatu in vechje pagine di riviste. U spettaculu hà iniziatu. Cù precisione balletica, anu ghjucatu un dramma domesticu cù u trailer cum'è scena. A vita di un pagliacciu, unu hà dettu, à u piccu droll di u spettaculu, hè un disordine. Un spettaculu di pupi cuminciò. I pagliacci furnianu un sustegnu musicale cù una fisarmonica è una tuba. Avemu qualchì difficultà tecnica sta sera! unu hà annunziatu in burla di panicu, è hà incuraghjitu u publicu à a prossima faccia di u trailer. C'eranu posti quì, furmati in un anfiteatru in miniatura, è un focu accogliente in un bracieru vicinu. U spettaculu di pupi hà continuatu, più elaboratamente, cù piccule figurine di ghjocu è fondi intricati, ballerini di flamenco è musclemen è una donna simile à Rapunzel chì hà fattu acrobazie nantu à a so enorme treccia. Era u circu u più chjucu, u più chjucu chì avessi mai vistu. Ma cum’ella passava a notte in a grande cità scunnisciuta di a Scandinavia, paria degnu ch’ella fussi ancu, per un largu margine, u megliu.

Linea aranciu Linea aranciu

I Dettagli: Cosa Fà in Aarhus d'oghje

Cumu ghjunghje

Ùn ci hè micca voli senza scali da i Stati Uniti à Aarhus, ma i viaghjatori ponu facilmente volà versu a cità attraversu Copenaghen.

Alberghi

Hotel Oasia: Una scappata muderna nantu à una strada laterale acciulita vicinu à a gara. hoteloasia.com ; raddoppia da 135 $ .

Hôtel Royal: Questu hotel di u XIXu seculu hè situatu convenientemente, accantu à u Quartieru Latinu è à u distrettu cummerciale. hotelroyal.dk ; raddoppia da 247 $ .

Ristoranti è Bar

AC Perch: Stu magazinu high-end, chì funge da fornitore di a corona danese, serve più di 150 varietà di tè, più una selezzione di muzziconi dolci è salati. perchs.dk ; altu tè da 30 $ .

Castenskiold: Un ristorante assulanatu di fiume chì si trasforma in un club occupatu dopu à 11 ore. U menu, da Mia Christiansen, hè cumpletamente stagiunale. castenskiold.net ; entrate $ 27- $ 58 .

Fermentoren: I amatori amanu l'enorme selezzione sempre cambiante di birre artigianali à colpu quì. 24 Nørregade; 45-61-518-268 .

Frederikshøj: U flagship di Wassim Hallal (sottu) si trova annidatu in una furesta prutetta è hà ricevutu una stella Michelin in u 2015 per a so cucina creativa-pensate macarons aromatizzati cù sangue di vitellu. frederikshoj.com ; prezzu fissu da 103 $ .

Gastromé: U ristorante accogliente, romanticu è stellatu Michelin si basa nantu à ingredienti lucali, alcuni di i boschi vicini. gastrome.dk ; prezzu fissu da 73 $ .

A capra: I baristi premiati in stu caffè suddisfanu i snob di caffè cù fasgioli arrustiti in casa. lacabra.dk

Numaru 24: L'accademici anu trasformatu i panatteri chì dirigenu a cumunità piglianu una fiertà speciale per a so levura di 24 ore. 24 Graves; 45-23-484-892 .

Pub Sherlock Holmes: Prufittate di libazioni è di musica in diretta in questu pub in stile britannicu vistutu per parè un salottu vitturianu: grandi libreria, carta da parati ornata è una vasta selezzione di whisky. sherlock-holmes.dk

Skovmøllen: Pruvate l'irresistibile smørrebrød (panini à faccia aperta) serviti in una fattoria idilliaca piatta in i boschi à l'orlu di a cità. ristoranteunico.dk ; panini $ 19- $ 28 .

Sottu à a Maschera: Una immersione accolta favurita da studienti, artisti è filosofi urbani. 3 Viscuvatu; 45-86-182-266 .

Attività

Giardinu Botanicu Aarhus: L'estensione esterna di u giardinu cuntene flora di tutta a Danimarca, mentre chì e cupole di serra sustenenu abitati da altrò in u mondu. sciencemuseerne.dk

ARoS: U museu d'arte di punta d'Aarhus presenta una passerella emblematica arcubalenu da Olafur Eliasson nantu à u so tettu. ariccia.dk

Doc1: A più grande biblioteca publica di a Scandinavia
hè statu cuncipitu da Schmidt Hammer Lassen Architects in u quadru di una iniziativa per trasfurmà u portu industriale di a cità in un spaziu publicu piacevule. dokk1.dk

Carrughju di merci: L'anziana stazione di trasportu merci accoglie avà studi di artisti è sustene un vivace centru culturale. divinità.dk

Museu Moesgaard: Unu di i più belli è più moderni musei di famiglia in u mondu si concentra nantu à l'archeologia è l'etnografia. moesgaardmuseum.dk